Logo
Stampa questa pagina
12 Apr

[E. Augusti] Emarcy, 2011, One è l’album d’esordio del quartetto The4. Umberto Muselli (tenor sax), Marco Contardi (piano), Gianluca Renzi (double bass) e Pierluigi Villani (drums). Sette tracce spinte dalla scarica elettrica di Villani. Personalità forti e differenti, per delle voci che arrivano all’urto: spigolosa e spesso invadente quella di Muselli, morbida e costretta quella di Contardi, confusa quella di Renzi. Un esperimento poco omogeneo che soffoca la luce di Contardi e costringe a strettoie impervie la personalità effervescente di Villani. Alcune note sulla track-list. Tema isterico per un trascinante “Trabacco” (Contardi-Villani), lanciato per frammenti sul delirio walk del contrabbasso di Renzi. Cromatismi esasperati e giochi di colore nei dialoghi serrati sax-piano. Aperture piacevolmente funk per “One for the Other” (Contardi-Renzi-Villani), ma l’intonazione cede all’artiglio del basso e la ricchezza sovrapposta dei bei soli non consola. Competitivo. Doppia anima per “Thank You Chick” (Contardi), long track che smarrisce le suggestioni liriche dell'intenso incipit e sale, progressive, trasfigurando di chorus in chorus. “Irlanda” (Contardi-Villani) gioca su un tema popolare, quasi una fanfara. “Sunset Colours” tramonta, in contrasto, per addizioni. Ostinato del piano, innesti del contrabbasso, grida del sax, fino al secondo tempo, scandito nell’umore dai drums di Villani e dalle pennellate audaci di Muselli. Chiudono “Buddy’s  Street” (Contardi-Villani) e “Afro 1/po’ Song” (Contardi-Renzi-Villani).

Informazioni aggiuntive

Copyright LaOrilla 2011. Tutti i diritti riservati.