Facebook   youtube  Twitter

  • image
A+ A A-
29 Nov

Al Bellini di Napoli, l'unico Mehldau

Brad Mehldau Brad Mehldau

Napoli. Teatro Bellini, tripudio barocco di drappi di velluto e stucchi dorati. Music Hall è la rassegna che accompagnerà i jazzofili partenopei fino alla bella stagione, e che ieri sera ha ospitato Brad Mehldau in un “solo concert” unica tappa italiana.

Mehldau arriva a passo svelto. È infastidito dai flash e fissa un po’ contrariato il buco nero che gli nasconde la platea. Si avvia. Il suo filo di perle si scioglie, e loro rimbalzano fitte, in un microspazio controllato di marmi neri e specchi d’avorio. Un tintinnio regolare imbastito in un ricamo perfetto, di grande equilibrio nelle dinamiche e nelle costruzioni. Le sue insistenze, deliziosamente indorate di blue, diventano persistenze che si snodano in limpidi contrappunti.

L’articolato polifonico è eccezionale per definizione ed eguaglianza. Splendidi i fugati, che arricchiscono e dinamizzano l’universo chiuso di una sospetta immobilità tonale. Quasi settato nelle armonie, Mehldau trova la sua materia plastica nella melodia, che lavora con cura e dedizione- La mollezza del suo attacco al tasto, quasi indifferente al peso, e la fisicità composta del suo suono esclusivo penetrano. Stratifica e infittisce, sempre ricco, sempre composto. Un moto perpetuo controllato e pressurizzato in un quadro che ne esalta le tensioni e ne organizza le nevrosi, fino alla quiete più dolce. Predilige il registro medio, con pennellate di colore al grave e punti-luce all’acuto. Ogni nota ha un suo posto e brulica lo spazio, in una dispersione generosa di preziosità minute. Dilatati i fraseggi, spinti dalle figurazioni irregolari e montati da arpeggi asfissianti che gemmano a sorpresa. Le sue "Favorite Things", gli echi di Rachmaninov e Debussy. La sua "Bittersweet Symphony", le allusioni al pop. Chiude in quarta, raccoglie una pagina di appunti di note, e con la sinistra in tasca si allontana, lasciandoti un’emozione che ti precipita dentro.

 

Informazioni aggiuntive

  • Autore: Eliana Augusti
  • Luogo: Teatro Bellini – Napoli

Elezioni Sonore

 

Invia il tuo cd

Newsletter

Ricezione
Privacy e Termini d'uso
  • Roma - Auditorium Parco della Musica
  • Torino Jazz Festival 2014
  • LIVEdiary

Eventi

<<  Maggio 2022  >>
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Copyright LaOrilla 2011. Tutti i diritti riservati.

Login

Registrati

Registrazione Utente
o Annulla