Logo
Stampa questa pagina
24 Gen

Serena Brancale: "galleggiare" al Borgna

Più che un concerto jazz, una festa. Serena Brancale è in formissima ed è la sua verve a farla da padrona. Personaggio eclettico, dalla personalità artistica forte e travolgente, Serena ha una capacità straordinaria di far tutt'uno con chi le è accanto: Mimmo Campanale alla batteria, Giuseppe Fortunato alle tastiere, Paolo Romano al basso. Ma non solo. Dall'altra parte c'è un pubblico euforico che partecipa, canta, ritma, invoca, evoca. E' dentro lo show. E' un circo di sorprese ed emozioni. La sua voce è uno strumento caratterizzato che si colora all'improvviso di accese suggestioni afro e dona personalità forte e riconoscibile ai brani proposti, sempre in contatto intimo col groove. I suoi testi riportano al quotidiano, dimostrando come la musica possa parlare una lingua semplice, alla portata di tutti. "Il cuore barese, il battito afro e la mente americana". La festa si chiude alla grande con l'ingresso delle percussioni: Maurizio Lampugnani, Liviana Ferri, Teresa Barbieri, Diego Catalano. Finito il concerto pare che nessuno abbia intenzione di andare via. Ed è cerchio intorno a Serena.

Informazioni aggiuntive

Video

Copyright LaOrilla 2011. Tutti i diritti riservati.