Facebook   youtube  Twitter

  • image
A+ A A-

DANILO REA - Vento del Nilo

Venerdì, 07 Giugno 2013 15:44

 

Nostalgia. Ho nostalgia perfino di ciò che non è stato niente per me, per l’angoscia della fuga del tempo e la malattia del mistero della vita. Volti che vedevo abitualmente nelle mie strade abituali: se non li vedo più mi rattristo; eppure non mi sono stati niente, se non il simbolo di tutta la vita. Io sono la periferia di una città inesistente, la chiosa prolissa di un libro non scritto. Non sono nessuno, nessuno. Non so sentire, non so pensare, non so volere. Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi. Da una botola situata lassù, sto precipitando per lo spazio infinito, in una caduta senza direzione, infinitupla e vuota. E io, proprio io, sono il centro che esiste soltanto per una geometria dell’abisso; sono il nulla intorno a cui questo movimento gira, come fine a se stesso, con quel centro che esiste solo perché ogni cerchio deve possedere un centro. Io, proprio io, sono il pozzo senza pareti ma con la resistenza delle pareti, il centro del tutto con il nulla intorno. Quello che ci circonda diventa parte di noi stessi, si infiltra in noi nella sensazione della carne e della vita. Un raggio di sole, una nuvola il cui passaggio è rivelato da un’improvvisa ombra, una brezza che si leva, il silenzio che segue quando essa cessa, qualche volto, qualche voce, il riso casuale fra le voci che parlano: e poi la notte nella quale emergono senza senso i geroglifici infranti delle stelle. Alla fine di questa giornata rimane ciò che è rimasto di ieri e ciò che rimarrà di domani; l’ansia insaziabile e molteplice dell’essere sempre la stessa persona e un’altra. Nuvole… Esisto senza che io lo sappia e morirò senza che io lo voglia. Sono l’intervallo fra ciò che sono e ciò che non sono, fra quanto sogno di essere e quanto la vita mi ha fatto essere.
 
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine
 
[sel. E. Augusti]
Pubblicato in Parole

 

Ci sono piccoli passi che emozionano e grandi emozioni che non passano. Danilo Rea (piano), Enzo Pietropaoli (contrabbasso) e Maria Pia De Vito (voce), So right (Cam Jazz, 2008), raccontano in chiave jazz Joni Mitchell e la poesia del suo prezioso "A case of you". Tutta la dolcezza di una ballad dall’intimismo raro e profondo, che accarezza l’anima. Ferma il tempo. E taglia il respiro. 

Pubblicato in Elezioni Sonore

GINO PAOLI - Smile

Sabato, 22 Dicembre 2012 06:33

 

 

 

 

 

 

 

Un giorno senza un sorriso è un giorno perso.


Charlie Chaplin

Pubblicato in Parole

Elezioni Sonore

 

  • Roma - Auditorium Parco della Musica
  • LIVEdiary
  • Torino Jazz Festival 2014

Copyright LaOrilla 2011. Tutti i diritti riservati.

Login

Registrati

Registrazione Utente
o Annulla