Facebook   youtube  Twitter

  • image
A+ A A-

TJF 2013 Live Diary - 27 aprile

Sabato, 27 Aprile 2013 12:34

27 aprile, h. 11.34 - [E. Augusti] Il giorno dopo. Torino si sveglia con un timido sole. L'appuntamento è al Circolo dei lettori con la prosa spontanea di un accattivante e intenso Mexico City Blues. I testi del padre del movimento beat incontrano la musica in un pas à deux sofisticato, per voce recitante/canto e pianoforte. Giuppy Paone e Umberto Petrin raccontano un altro Kerouac, fortemente ispirato e letto in chiave jazz. Improvvisazione e composizione trovano il giusto equilibrio, in un remembering che ripercorre giochi d'infanzia con parole d'adulto, che poi, anche se non sono quelle giuste cosa importa. Un reading che coinvolge e tiene il pubblico dentro la narrazione. E in quel cinema della nostalgia s'intravedono anche Parker e Young, e una poesia senza tempo. «Romance never came back | Crashing interruptions | So I'm with you | happy once again and singing all my blues | in tue with you | with you». 

 

 

27 aprile, h. 12.40 - Arriva l'appetito. Quale occasione migliore per gustare un jazz brunch? Il TJF ha pensato anche a questo. Sa bene come coccolare i suoi. Pochi minuti e siamo in Piazzale Valdo Fusi, Jazz Club Torino. L'atmosfera è quella giusta. Armstrong ed Ellington prestano il loro nome a due menu, mentre i ragazzi della masterclass della Juilliard School of Music raccontano il loro jazz sotto lo sguardo imperturbabile di un gigante Monk. 

 

 

27 aprile, h. 16.00 - La pioggia battente (che distrugge gli ombrelli!) non ci ferma. Ritorniamo al Circolo dei Lettori. Diego Borotti dedica un tempo del jazz ai bimbi. Spazio ai bambini è il laboratorio che il TJF ha realizzato per i bimbi dai cinque agli undici anni. Sax, pianoforte e una loop machine per avvicinare i piccoli al jazz mood. Tum Cià Tum Cià. Si va di piedi e mani, e il jazz diventa un gioco per tutti (anche per mamme e papà!). Pochi metri più in là, Stefano Zenni presenta per la sezione Book Geoff Dyer e Luca Ragagnin, conversazione su Natura morta con custodia di sax. Era il 1993 quando proprio da Torino, partiva il successo mondiale di uno dei lavori di letteratura jazz tra i più apprezzati e riconosciuti. Oggi, a vent'anni di distanza, è ancora una volta Torino a raccogliere e accogliere – grazie a Einaudi  la sfida di una ristampa, impreziosita da un irrinunciabile aggiornamento biblio-discografico. Il racconto di un jazz diverso, dove intimità e celebrità, mito e quotidianità si fondono in un tempo-non tempo, che è «tradizione del futuro» (Ragagnin). 

 

 

27 aprile, h. 20.10 - Cambiamo location. Café Des Arts, Via Principe Amedeo. L'ambiente è angusto, ma familiare. Si sta vicini, e la musica arriva a breve raggio, e se ne sente il calore. Sul palchetto, Diego Borotti (sax tenore), Alberto Marsico (organo) e Gio Rossi (batteria). Rossi gira a turbina, mentre l'hammond di Marsico lacera e strappa. Si cambia registro quando si fa strada Monica Fabbrini. L'impasto timbrico della sua voce, magmatico e sensuale, si lascia plasmare dall'Aqua Sapiens di Borotti. Ci spostiamo di un isolato, e siamo al Blah Blah di via Po. Giovanna Gardelli, in arte Marianne Mirage, e il suo cappello nero ci accolgono. Morbida e sinuosa, la sua voce scivola tra i bassi di Niccolò Bonavita, mentre Stefano Pennini al piano e Matteo Frigerio alla batteria ne accolgono le forme. L'aria è leggera. Non piove più. Ne approfittiamo per una passeggiata fino a Piazza Castello, aspettando la "vocal night" tutta al femminile. 

 

 

27 aprile, h. 21.05 - Arrivano prima i musicisti della Radar Band. Cristiano Arcelli (sax alto), Fulvio Sigurtà (tromba), Massimo Morganti (trombone), Michele Francesconi (pianoforte), Giacomo Riggi (vibrafono), Daniele Mencarelli (basso elettrico), Alessandro Paternesi (batteria) e Enrico Pulcinelli (percussioni). Il tempo di raccogliere il mood latino e Cristina Zavalloni entra in scena. Escursioni isteriche di una fluidità magnetica. Spirali, labirinti vocali a perdifiato. Architetture sofisticate che attingono dal classico, con grande naturalezza. Un virtuosismo frammentato il suo, che si ricompone in lunghi e densissimi fraseggi. Una tecnica stupefacente, cervellotica, dove le articolazioni per gradini dinamici costruiscono altezze da capogiro. Forte, fortissima la coerenza timbrica delle voci della Radar Band, in un rincorrersi d'innesti perfetti. Cambio palco, ed è ancora il sud del mondo a farla da padrone. Esplode la festa quando arriva il Tania Maria Quartet. Accanto a Tania Maria, Marc Bertaux al basso, Edmundo Carneiro alle percussioni e Hubert Colau alla batteria. Si va di bossa, samba e il jazz non ci pensa un attimo a entrare nel vivo del gioco. Energica ed elegante, affascina e coinvolge. Impossibile restare fermi! Si baila! 

 

 

[ph. E. Augusti/M. Capozzi]

 

Continua a leggere il Live Diary...28 aprile!

 

Pubblicato in Report

TJF 2013 Live Diary - 26 aprile

Venerdì, 26 Aprile 2013 16:32

 

26 aprile, h. 18.20 - [E. Augusti] Calvino diceva che la fantasia è un posto dove ci piove dentro. Qui a Torino la fantasia sembra essere ovunque e la pioggia, per fortuna, non vuole farle compagnia. Pronti per l'edizione 2013 del Torino Jazz Festival firmato Stefano Zenni. Nonostante il cielo grigio, l'aria è mite, e la Mole svetta. Se «la musica è l'inizio di qualcosa», quello che sta per cominciare qui è una festa. Te lo suggeriscono i temi jazz che ti piombano in testa mentre passeggi sotto i portici di Via Garibaldi. Te lo raccontano le atmosfere blue di una tromba che al tramonto scivola lenta tra i passanti e ti guida verso il posto giusto. Te lo urlano i passi cadenzati di una marching band che prova in un angolo di Piazza Vittorio e che ti viene a trovare mentre guardi, sorpreso da un insolito contrabbasso, le vetrine di una pasticceria. Sono da poco passate le 18.00, e mentre l'Urban Center di via Milano si popola di figure più o meno sconosciute di chi il jazz prova a raccontarlo, da piazzale Valdo Fusi arriva il jazz che si fa, ricordando Gillespie e Mingus. Let's go!

 

 

26 aprile, h. 20.21 - Ci spostiamo al Blah Blah di via Po. «Ora hai capito da dove viene il suono?», chiede lui spavaldo alla ragazza che le sta a fianco. Lo spazio ibrido è un'esplosione di gente. Il buio sfuma i profili, e le voci di Boltro, Di Castri e Roche ti arrivano dritte in faccia dalle proiezioni che si stagliano sul fondo del locale. Zero contatto visivo (che peccato!) La robustezza percussiva di Roche sostiene con vigore l'interplay, per poi sfilacciarlo sul ride. Di Castri lo segue ragionando di armonici, e porta Boltro a distendere. Il contrabbasso si fa elettrico, pedalizzando nuove linee di una sinuosità plastica. L'interplay monta, fittissimo. Roche e Di Castri si marcano a uomo, mentre Boltro si svincola in un virtuosismo leggero, che trova quiete in innocue cadenze tonali. Ritorna il delirio percussivo. Un punto d'appoggio è irresistibile ma improbabile da trovare. Roche ha una voglia brutale di raccontare. Si rintana nell'onomatopea, e da lì suggerisce giochi che sanno divertire. E' una macchina da scrivere. Straordinaria l'intesa con De Castri. Boltro fa da diaframma, ed è un'enciclopedia di stile. Uno spettacolo unico per una semplice «rimpatriata» tra amici: «saliamo sul palco e suoniamo», come non accadeva da più di vent'anni.  

 

 

26 aprile, h. 21.05 - Di corsa verso Piazza Castello. Enrico Rava Quintet & Orchestra del Teatro Regio di Torino. Accanto a Rava, Roberto Cecchetto (chitarra), Giovanni Guidi (pianoforte), Stefano Senni (contrabbasso) e Zeno De Rossi (batteria). A dirigere il Rava On The Road c'è Paolo Silvestri. Ecco come la musica classica incontra il jazz. Il compromesso non costa neanche poi tanto. Si disciplina il jazz? Si corrompe la forma? Al di là della solita retorica, dei misticismi e delle note a margine, il Rava On The Road funziona, e funziona da sé. Perché Rava, perché le musiche di Rava, perché gli arrangiamenti di Silvestri, perché il profilo del Quintetto, perché l'Orchestra del Regio. E potrebbe bastare così. E' un mélange d'eleganza ordinante e spinta improvvisativa che si lascia cogliere già dal Preludio. I violini imbastiscono degli ostinati irregolari che ossessionano e caricano nel moto ondoso degli accenti, portandosi dietro gli ottoni, le percussioni, fino alla chitarra "classicamente acida" di Cecchetto. E' l'acme, prima delle linee sensuali e morbide del tempo secondo. E' una combinazione di universi espressivi che convince. Anche la pioggia. 

 

[ph. E. Augusti/M. Capozzi]

 

Continua a leggere il Live Diary...27 aprile!

 

 

 
Pubblicato in Report

AMINA ALAOUI - Fado Al-Mu'tamid

Giovedì, 02 Gennaio 2014 10:48

 

Per quanto avessi a soffrire 
Nel lungo straniare, 
Nel sogno ti ho sempre vista, 
Con luna, sull'onde del mare. 
 
Sul cupo mare ti ho cercato, 
Dalle lontane sponde, 
E solo tu ti sei mostrata 
Sul mare, con luna, dall'onde. 
 
Sempre il tuo dolce volto 
E blando per me spunta, 
La tua cera biondeggiante, 
Dall'onde del mare, con luna.
 
Mihai Eminescu, Per quanto avessi a soffrire
Pubblicato in Parole

STONE SOUR - Bother

Venerdì, 08 Novembre 2013 09:49

Sii ciò che devi

 

Wystan Hugh Auden

 

[sel. E. Augusti]

Pubblicato in Parole

ARCHIMIA - Toxic

Sabato, 20 Aprile 2013 08:51

 

Il pensiero è come il coltello: ti ci puoi imburrare il pane oppure tagliartici la gola

 

Giulio Cesare Giacobbe, Come smettere di farsi le seghe mentali e godersi la vita2003

 

 

[sel. E. Augusti]

Pubblicato in Parole

PAOLO KESSISOGLU - Born To Be Alive

Venerdì, 07 Febbraio 2014 08:36

Due compiti per iniziare la vita: restringere il tuo cerchio sempre più e controllare continuamente se tu stesso non ti trovi nascosto da qualche parte al di fuori del tuo cerchio

 

F. Kafka, Aforismi di Zürau, (94, Adelphi 2004)

 

 

[sel. E. Augusti]

 

Pubblicato in Parole

C. VELOSO - M. GADU - Rapte-me, Camaleoa

Mercoledì, 05 Marzo 2014 08:08

 

With thee, in the Desert -
With thee in the thirst -
With thee in the Tamarind wood -
Leopard breathes - at last!
 
[Con te, nel Deserto -
Con te nell'arsura -
Con te nel bosco di Tamarindo -
Il leopardo respira - finalmente!]
 
Emily Dickinson, F201 (1861) / J209 (1860),The Complete Poems [Tutte le poesie. F201 - 250 (Trad. Giuseppe Ierolli)]
 
[sel. E. Augusti]
Pubblicato in Parole

UN ANNO DA ORILLERI!

Martedì, 16 Aprile 2013 08:42

 

Scrivere, comunque, prima di tutto, nonostante tutto. Quando scrivere diventa un’emergenza, bisogna risolverla. Quasi due anni fa la risolsi così, con uno spazio che portava un nome lungo e difficile da ricordare, Enlaorilladelmundo...wow! Ecco, Enlaorilladelmundo raccoglieva quell’emergenza, e la risolveva. Intorno, gli occhi entusiasti e curiosi degli amici, che hanno letto. Intorno, le orecchie entusiaste e curiose degli amici, che hanno ascoltato. Nasceva così, sulle note di Charlie Haden e Gonzalo Rubalcaba, un’emozione per pochi, vicini, amici. Un’emozione che rompeva gli argini del silenzio più intimo, per farsi voce, scritta, raccontata con poche parole, le mie, un’emozione che non cercava altro che se stessa. Ma l’emozione è condivisione, e la parola è incontro. E anche la musica lo è. Condivisione, parole, musica, e tutto quello che ci gira intorno, e in testa. Tutto questo non poteva, non doveva e non voleva restar chiuso, lì. Ed ecco come quel nome lungo e difficile da ricordare è diventato corto, pur restando strano. La Orilla. L’orecchio? No. Anche se l’assonanza non guasta. La riva. L’argine. Il confine. Gli amici fanno grande un’idea, e un sussurro, una confidenza, diventa presto voce alta, che dirompe. E rompe. Rompe le convenzioni d’ascolto, carezza le rive con nuove acque, sconfina lenta, contro il solito, contro il modo sordo, di proporre, contro il modo cieco, di guardare, al passato ma anche al presente, e al suo morso al futuro, quello sconosciuto che ci scorre accanto. Bello uguale, o forse anche di più. E la mia voce è diventata la nostra voce. La famiglia orillera è cresciuta, e cresce ancora, ed è già trascorso un anno, il nostro primo anno orillero, insieme! Raccontiamo la bellezza, a modo nostro. Ci andiamo piano, ma ci piace ancora, e tanto. Grazie a chi c’era e a chi c’è. Grazie a voi! Auguri a te!
Get Happy!
 
Eliana
 
Pubblicato in Parole

A Lecce con Arbore e l'Orchestra Italiana

Sabato, 06 Aprile 2013 11:28

[E. Augusti] Lecce, 5 aprile 2013, e il Teatro Politeama Greco sposa l’incontro con la tradizione partenopea. Renzo Arbore e L’Orchestra Italiana regalano una serata spumeggiante. Grande l’entusiasmo e la partecipazione. Arbore accoglie le nostalgie del pubblico leccese e regala la magia della dolce Napoli. Non c'è mielosità stucchevole, ma l’esperienza del maestro che sa cosa valorizzare del suo racconto. Imprevedibile e goliardico, cattura tutti con la sua genuina ironia. È una teatralità coinvolgente che non risparmia nessuno, men che meno i suoi fidati compagni di viaggio. L’età non è un mistero, ma non si sente. E se si sente, ci giochiamo su. Arbore è un maestro nei panni del garzoncello swingante. Gli stanno a pennello. Neanche una grinza in quell’entusiasmo da giovinetto senza età. «Poche note, ma quelle giuste». Ed è al pianoforte che regala, in quella pioggia leggera dedicata a Modugno, il blues più intimo. Scorre alle spalle dell'Orchestra un cinema di ricordi. È uno show nel senso più nobile. Un attimo, e la dolce Napoli si fa verace. Murolo e Carosone la fanno da padrone. I musicisti dell’Orchestra sono tutti lì, protagonisti accanto ad Arbore che non perde anzi occasione per tirarli dentro al gioco e spingerli oltre la linea. La musica asseconda i caratteri di ciascuno. È cucita addosso alle loro personalissime suggestioni. E l’improvvisazione ci va a nozze, in uno scambio osmotico che fa spettacolo, a tutto tondo. Gustose le declinazioni fuori stile, dal reggae alle contaminazioni afro, senza risparmiare il parodico. È un girotondo, è un gioco di bimbi senza età. Mascheramenti, colpi di scena e il «coro di Lecce», un po’ timido in prima battuta, ingessato dal velluto delle poltrone in seconda, esce finalmente allo scoperto, totalmente dentro la scena a celebrare una "Luna rossa" che non tramonta. W l’Orchestra Italiana! W Arbore!

  

Pubblicato in Report

THE PEPPER POTS - Time To Live

Giovedì, 09 Maggio 2013 17:59

 

Ma c’è un’uccisione, quella del tempo, che non sembra possa dare frutto. Ammazzare il tempo è il problema sempre più preoccupante che si presenta all’uomo d’oggi e di domani.
Non penso all’automazione, che ridurrà sempre più le ore dedicate al lavoro. Può darsi che quando la settimana lavorativa sarà scesa da cinque a quattro o a tre si finisca per dare il bando alle macchine attualmente impiegate per sostituire l’uomo. Può darsi che allora si inventino nuovi tipi di lavoro inutile per non lasciare sul lastrico milioni o miliardi di disoccupati, ma si tratterà pur sempre di un lavoro che lascerà un ampio margine di ore libere, di ore in cui si potrà eludere lo spettro del tempo.
Perché si lavora? Certo per produrre cose e servizi utili alla società umana, ma anche, e soprattutto, per accrescere i bisogni dell’uomo, cioè per ridurre al minimo le ore in cui è più facile che si presenti a noi questo odiato fantasma del tempo. Accrescendo i bisogni inutili, si tiene l’uomo occupato anche quando egli suppone di essere libero. “Passare il tempo” dinanzi al video o assistendo a una partita di calcio non è veramente un ozio, è uno svago, ossia un modo di divagare dal pericoloso mostro, di allontanarsene. Ammazzare il tempo non si può senza riempirlo di occupazioni che colmino quel vuoto. E poiché pochi sono gli uomini capaci di guardare con fermo ciglio in quel vuoto, ecco la necessità sociale di fare qualcosa, anche se questo qualcosa serve appena ad anestetizzare la vaga apprensione che quel vuoto si ripresenti in noi.
 
E. Montale, Ammazzare il tempo (da Auto da fé. Cronache in due tempi, Milano 1966
 
 
[sel. E. Augusti]
Pubblicato in Parole

Elezioni Sonore

 

Invia il tuo cd

Newsletter

Ricezione
Privacy e Termini d'uso
  • Torino Jazz Festival 2014
  • Roma - Auditorium Parco della Musica
  • LIVEdiary

Eventi

<<  Giugno 2022  >>
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Copyright LaOrilla 2011. Tutti i diritti riservati.

Login

Registrati

Registrazione Utente
o Annulla