Facebook   youtube  Twitter

  • image
A+ A A-

Vijay Iyer. Solo a Firenze

Venerdì, 11 Novembre 2011 00:00

[E. Augusti] Va avanti e indietro, tra una porta e l’altra della Sala Vanni, a intervalli regolari. Lo Steinway lo aspetta, padrone devoto, su un palchetto, a quasi un metro da terra. Vijay Iyer arriva schivo, sornione. Si incastra nello strumento, e ne diventa appendice. Abbozza delle note, leggero, misurato, quasi riflettesse e prendesse appunti sul pensiero che seguirà. Generoso. Solo (Act, 2010) è il suo lavoro da solista, un album che ascolta, rilegge e sfida, dagli standard più celebrati di Ellington e Monk al pop americano più audace di Michael Jackson. A raccoglierne il saggio c’è il pubblico fiorentino del Musicus Concentus, entusiasta e ispirato da una luna complice. Iyer corre. Le disarticolazione delle sue dita impressiona. Un controllo muscolare totale e una voce duttilissima che domina un’intera tavolozza dinamica. Il suo approccio è timido e discreto, ma sa sedurre. Spunti esotici, contaminazioni colte alla Debussy, residui pop e ingombranti presenze pentatoniche. Poliritmia severa e nevrosi dei bassi. La mano destra intanto crea, moltiplica, lamina e frammenta una materia mai così malleabile. Iyer è plastico. La sua è un’ansia distorsiva strabordante, una macchina divoratrice che raccoglie e macina. L’amalgama è uniforme, compatto. La forma razionalmente definita. Procede per addizioni e sottrazioni, un gomitolo di fil di ferro e cotone che si srotola, in un tempo controllato. Impressionista e visionario nei pedali, Iyer nebulizza e sfuma ogni istantanea. Il suo microcosmo emozionale diventa spazio condiviso, un’epifania di colore tutta da godere.

Pubblicato in Report

Elezioni Sonore

 

Invia il tuo cd

Newsletter

Ricezione
Privacy e Termini d'uso
  • LIVEdiary
  • Torino Jazz Festival 2014
  • Roma - Auditorium Parco della Musica

Eventi

<<  Giugno 2022  >>
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Copyright LaOrilla 2011. Tutti i diritti riservati.

Login

Registrati

Registrazione Utente
o Annulla