Facebook   youtube  Twitter

  • image
A+ A A-

CESARIA EVORA – Historia de un amor

Giovedì, 27 Novembre 2014 11:52

Così è la mia vita,

un affresco molteplice e variabile

che solo io posso decifrare

e che mi appartiene come un segreto.

La mente seleziona, esagera, tradisce,

gli avvenimenti si sfumano,

le persone si dimenticano

e alla fine rimane solo il percorso dell’anima,

quei rari momenti di rivelazione dello spirito.

Non interessa ciò che mi è accaduto,

ma le cicatrici

che mi segnano e mi distinguono.

 

Isabel Allende, Paula, 1995

 

 

[sel. M. Capozzi]

Pubblicato in Parole

CAMILLO PACE - Danza del mare

Venerdì, 28 Febbraio 2014 09:25

Ti dirò, anche se viaggi di paese in paese, per terre che mai prima hai veduto e grandi città piene di gente che mai prima hai conosciuto, anche se percorri tutta la terra, non imparerai mai tanto quanto dal mare...

Dal mare si può imparare moltissimo. Il mare racchiude più sapere di qualsiasi altra cosa sulla terra, se sei capace di farlo parlare. Conosce tutti i vecchi segreti, perché lui stesso è così antico, più antico di tutto. Anche i tuoi segreti conosce, non illuderti. E se tu ti abbandoni a lui completamente e lasci che si prenda cura di te, se non t’intrometti con le tue insignificanti obiezioni, se non t’intestardisci su ciò che è troppo effimero e insignificante perché il mare se ne curi o persino ascolti che cosa mai vai borbottando mentre parla, mentre sta per rovesciarsi sopra la barca, allora può dare pace alla tua anima, sempre che tu ne abbia una. E se è la pace che cerchi. Questo non lo so. E non mi riguarda. Ma sia come sia, è solo sul mare, che non ha mai pace, che potrai trovare la pace. Il mare è la sola cosa che sento sacra. E ogni giorno lo ringrazio di esistere. Per quanto infuri e faccia burrasca io lo ringrazio. Perché dà pace. Non tranquillità, ma pace. Perché è crudele e duro e spietato e tuttavia dà pace.

... non avevo mai veduto il mare. Molte altre cose avevo visto, forse troppe. Uomini avevo visto, forse troppi. Ma il mare mai. E perciò non avevo ancora compreso nulla, non avevo capito assolutamente nulla. Come si può capire qualcosa della vita, e capire a fondo se stessi, se non lo si è imparato dal mare? Come si può comprendere gli uomini e la loro vita, il loro vano sforzarsi e il loro inseguire mete bizzarre, prima di aver spaziato con lo sguardo sul mare, che è sconfinato e basta a se stesso?

 

Pär Fabian Lagerkvist, Pellegrino sul mare, 1962

 

 

[sel. M. Capozzi]

Pubblicato in Parole

KRZYSZTOF KOMEDA - Cul-De-Sac

Venerdì, 07 Febbraio 2014 10:25

“Get the hell outta my fortress!”

Muoversi vorticosamene, senza mai iuscire a spostarsi. Ritrovarsi costantemente in scenari stagnanti, intrappolati in luoghi dal raffinato sapore noir, che non conducono ad alcuna via di fuga ma restano incastrati in un grottesco cul-de-sac.

Polanski. Irriverente, sopra le righe, come solo lui sa essere. Con toni da humour leggero alla Samuel Beckett, tesse un complicato intreccio di relazioni in cui bianco e nero, luce ed ombra, tutto e niente, certezze attese ed illusioni disattese si snodano tra le note di Krzysztof Komeda.

Il film è “Cul-de-Sac”, Roman Polanski, 1966.

 

 

[sel. M. Capozzi]

Pubblicato in Immagine

KLEZMER KAOS - Froggy Kaos

Lunedì, 13 Gennaio 2014 18:38

Non si stancava mai di guardare sorgere il sole: rosso acceso, dorato, lavato nelle acque del grande mare. Il sole nascente gli ispirava sempre lo stesso pensiero: a differenza dell'astro celeste, il figlio dell'uomo non si rinnova mai e per questo è destinato alla morte. L'uomo ha ricordi, rimorsi e rancori che si accumulano dentro di lui come strati di polvere finché gli impediscono di ricevere la luce e la vita che discende dal cielo. Il creato, invece, si rinnova costantemente. Se il cielo si rannuvola, poi si rasserena. Il sole tramonta, ma ogni mattino rinasce. Le stelle o la luna non recano le tracce del tempo. La continuità del processo di creazione della natura non appare mai tanto ovvia come all'alba, quando cade la rugiada, gli uccellini cinguettano, il fiume s'infiamma, l'erba è umida e fresca. Felice è l'uomo che sa rinnovarsi insieme al creato.

 

Isaac Bashevis Singer, Io non mi affido agli uomini, in Racconti (1957-1981)

 

[sel. M. Capozzi]

Pubblicato in Parole

EDDIE VEDDER - Into the Wild

Mercoledì, 04 Dicembre 2013 20:37
Tra silenzi assordanti e prepotenti esplosioni di rabbia. Nutrirsi di tranquillità, ubriacarsi di entusiasmo. Camminare, correre, saltare, sussurrare, ascoltare, contemplare, parlarsi. Il viaggio estremo ai confini del mondo. Per toccare il luogo più autentico che appartiene all'uomo, e lo rende uomo. Per potersi dire liberi, continuando a bruciare di vita.
 
Into the Wild – Nelle Terre Selvagge (Sean Penn, 2007). Dal romanzo di Jon Krakauer, Nelle Terre Estreme (1999).
 
 
[sel. M. Capozzi]
 
 
Pubblicato in Immagine

R. AUBRY - Salento

Domenica, 01 Giugno 2014 14:44
 
Donne catalane
 
"Forse invoca e invoca vergini
l'antico mare epitalàmico;
forse noi tutte non siamo che quell'una
che chiamavano Nausicaa".
 
"Forse baciamo meglio sulle dune
che sugli usci delle case,
suggendo bocca e offrendo bocca
in mandorle dolci e amare",
 
"Sfrondatrici d'olivi,
raccoglitrici di mandorle,
siamo venute dal Manserrat
per congiungerci alla mareggiata…".
 
Gabriela Mistral
 
 
[sel. M. Capozzi/E. Augusti]
Pubblicato in Parole

ALAN PARSON PROJECT - Silence and I

Venerdì, 29 Novembre 2013 11:32
Caddi in uno dei miei patetici periodi di chiusura.
Spesso, con gli esseri umani, buoni e cattivi, 
i miei sensi semplicemente si staccano, 
si stancano: lascio perdere.
 
Sono educato. Faccio segno di sì.
Fingo di capire, perché non voglio ferire nessuno.
Questa è la debolezza che mi ha procurato più guai.
 
Cercando di essere gentile con gli altri
spesso mi ritrovo con l'anima a fettucce,
ridotta ad una specie di piatto di tagliatelle spirituali.
 
Non importa...
Il mio cervello si chiude.
Ascolto.
Rispondo.
 
E sono troppo ottusi per rendersi conto che io non ci sono.
 
Charles Bukowski 
 
[sel. M. Capozzi]
Pubblicato in Parole

IVANO FOSSATI - La costruzione di un amore

Venerdì, 02 Agosto 2013 12:21
Considero valore ogni forma di vita, la neve, la fragola, la mosca.
Considero valore il regno minerale, l'assemblea delle stelle.
Considero valore il vino finché dura il pasto, un sorriso involontario,
la stanchezza di chi non si è risparmiato,
due vecchi che si amano.
Considero valore quello che domani non varrà più niente e quello che oggi vale ancora poco.
Considero valore tutte le ferite.
Considero valore risparmiare acqua,
riparare un paio di scarpe,
tacere in tempo,
accorrere a un grido,
chiedere permesso prima di sedersi,
provare gratitudine senza ricordare di che .
Considero valore sapere in una stanza dov'è il nord,
qual è il nome del vento che sta asciugando il bucato.
Considero valore il viaggio del vagabondo,
la clausura della monaca,
la pazienza del condannato, qualunque colpa sia.
Considero valore l'uso del verbo amare e l'ipotesi che esista un creatore
 
E. De Luca, Molti di questi valori non ho conosciuto
 
 
[sel. M. Capozzi]
Pubblicato in Parole

TRENTEMOLLER vs. MASSIVE ATTACK - Miss You

Venerdì, 21 Giugno 2013 07:43

A me piace vedere le persone riunite, forse è sciocco, ma che dire, mi piace vedere la gente che si corre incontro, mi piacciono i baci e i pianti, amo l'impazienza, le storie che la bocca non riesce a raccontare abbastanza in fretta, le orecchie che non sono abbastanza grandi, gli occhi che non abbracciano tutto il cambiamento, mi piacciono gli abbracci, la ricomposizione, la fine della mancanza di qualcuno, mi siedo in disparte con un caffè e scrivo nel diario, controllo gli orari dei voli anche se ormai li conosco a memoria, osservo e scrivo, cerco di non ricordare la vita che non volevo perdere ma che ho perduto e devo ricordare, essere qui mi riempie di gioia il cuore anche se la gioia non è mia.

 

J. Safran Foer, Molto forte, incredibilmente vicino (2005)

 

 

 

[sel. M. Capozzi]

Pubblicato in Parole

VASCO ROSSI - Un Senso

Lunedì, 17 Giugno 2013 11:12

Ero felice, non ci si accorge mai di esserlo e mi chiesi perchè l’assimilazione di un sentimento così benevolo ci trovi sempre impreparati, sbadati, tanto che conosciamo solo la nostalgia della felicità, o la sua perenne attesa.

 

Non ti muovere (M.Mazzantini, 2002)

 

 

[sel. M. Capozzi]

Pubblicato in Immagine
Pagina 1 di 5

Elezioni Sonore

 

Invia il tuo cd

Newsletter

Ricezione
Privacy e Termini d'uso
  • LIVEdiary
  • Roma - Auditorium Parco della Musica
  • Torino Jazz Festival 2014

Eventi

<<  Ottobre 2022  >>
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Copyright LaOrilla 2011. Tutti i diritti riservati.

Login

Registrati

Registrazione Utente
o Annulla