Facebook   youtube  Twitter

  • image
A+ A A-

Serena Brancale: "galleggiare" al Borgna

Domenica, 24 Gennaio 2016 08:57

Più che un concerto jazz, una festa. Serena Brancale è in formissima ed è la sua verve a farla da padrona. Personaggio eclettico, dalla personalità artistica forte e travolgente, Serena ha una capacità straordinaria di far tutt'uno con chi le è accanto: Mimmo Campanale alla batteria, Giuseppe Fortunato alle tastiere, Paolo Romano al basso. Ma non solo. Dall'altra parte c'è un pubblico euforico che partecipa, canta, ritma, invoca, evoca. E' dentro lo show. E' un circo di sorprese ed emozioni. La sua voce è uno strumento caratterizzato che si colora all'improvviso di accese suggestioni afro e dona personalità forte e riconoscibile ai brani proposti, sempre in contatto intimo col groove. I suoi testi riportano al quotidiano, dimostrando come la musica possa parlare una lingua semplice, alla portata di tutti. "Il cuore barese, il battito afro e la mente americana". La festa si chiude alla grande con l'ingresso delle percussioni: Maurizio Lampugnani, Liviana Ferri, Teresa Barbieri, Diego Catalano. Finito il concerto pare che nessuno abbia intenzione di andare via. Ed è cerchio intorno a Serena.

Pubblicato in Report

SIMONA BENCINI/LMG QUARTET - Spreading love

Mercoledì, 08 Febbraio 2012 15:17

 

[E. Augusti] Spreading love è la title-track dell’ultimo lavoro di Simona Bencini (Groove Master Editions, Egea Records 2011). Estremo. Vivace. Coloratissimo. Con lei il LastMinuteGig Quartet: Mario Rosini (piano, vocals, choirs), Gaetano Partipilo (alto sax), Giuseppe Bassi (double bass) e Mimmo Campanale (drums, percussions). Voce performante, incisiva e carata dalla limpidezza di un dettato sempre scandito splendidamente, la Bencini abbaglia, vantando un timbro esplosivo, incontenibile. Superspinta e iperbolica nelle altezze e nei volumi, non dà tregua. La sua è una sensualità diretta, padroneggiata con disinvoltura, senza troppe allusioni. Pochi colori, anche quando il ritmo incalzante si presterebbe, cedendo al sentimentalismo languido di un tempo lento. L’album scorre tra gli inediti a firma Bencini-Rosini-Ferrante e le variazioni audaci di Gershwin ed Ellington, superriffate. Si gustano gli assoli di Bassi e Partipilo che soffrono non poco l’artificialità di un ambiente ingessato. Campanale cavalca sul beat, senza escursioni. E la sua è una stabilità che fa star bene la musica e aggancia il vamp di Bassi. Un groove facile, immediato, che poppetta e resta in testa. Rosini c’è, discreto e morbido, col suo piano di seconda linea; trattiene nei duo, ruvido, ma non rende il contrasto e tiene insipido lo scat. Solitude tenta lo swing che manca al resto. Una costruzione di testa, calibrata in uno spazio sintetico, controllata e sostanzialmente ferma nella narrazione. Poco jazz. Spreading love è un album d’intrattenimento di lusso, glamour, patinato, che non racconta molto di più di quel che dice, e forse per alcune orecchie può funzionare bene anche per questo. Accattivante l’artwork del booklet, a firma Pino Oliva.

 

Pubblicato in Album

Elezioni Sonore

 

Invia il tuo cd

Newsletter

Ricezione
Privacy e Termini d'uso
  • LIVEdiary
  • Torino Jazz Festival 2014
  • Roma - Auditorium Parco della Musica

Eventi

<<  Aprile 2022  >>
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Copyright LaOrilla 2011. Tutti i diritti riservati.

Login

Registrati

Registrazione Utente
o Annulla