Facebook   youtube  Twitter

  • image
A+ A A-

SOPHIE HUNGER - Le Vent Nous Portera

Lunedì, 03 Marzo 2014 16:35

Vento

 

D’agosto soffi via freddo il mio cuore altrove,

Aspetti secco a dicembre il ritorno di buone nuove.

In marzo tutti i mali sembri portare,

lasciandomi solo,

in attesa di chi non vuol tornare

 

Mino Centonze

 

[sel. E. Augusti]

Pubblicato in Parole

ZAZ - La Pluie

Mercoledì, 27 Novembre 2013 11:36
Sbatte lenta sui vetri e sulle porte,
d'affanno prova a vincere, ad entrare,
e picchettando copre mite ogni rumore.
Grida sguaiate e stanche,
rombi maleducati,
bolidi infiammati,
odori di forni accesi. 
Ma resta ancora dolce,
troppo,
per coprire il pensiero che resta qui,
di te.
 
 
[M. Centonze/E. Augusti]
Pubblicato in Parole

MIKA - Underwater

Mercoledì, 01 Ottobre 2014 10:16
Donne come te non le trovi
capricciose tra i flutti dell’estate.
Non le trovi tra i granelli della sabbia,
nuovi ogni volta alle carezze dello stesso mare.
Non le trovi tra le orme della battima,
ognuna immobile ad aspettare la prossima.
Donne come te restano nella profondità degli abissi
per essere raggiunte in apnea
e risalite respirandole,
fino alla luce del giorno più lungo
 
[M. Centonze/E. Augusti]
 
Pubblicato in Parole

CLAUDE-MICHEL SCHOENBERG - Bring Him Home

Mercoledì, 12 Marzo 2014 09:02

[M. Centonze] Seduta, in attesa di un sé che si rincorre spesso, di un forse che non sa aspettare e di un’attesa che non viene interrotta, distrutta dai sensi di colpa di un abbandono non cercato dopo una gioia lunga e improvvisa. Aspetta, su quel binario estivo, un treno che spazzi via i suoi pensieri più cupi e tristi. È un caldo pomeriggio di fine maggio, quando ogni centimetro percorso al sole è un gloria al padre, e ogni centilitro d’acqua un sogno lungo un giorno. Lei, incurante, aspetta. Aspetta quello che crede sia un treno, ma che invece è solo il riflesso del suo futuro. Non si muove un alito di vento, non una speranza di fresco. Anche il suo abito se n’è accorto, mentre le resta ritto quasi accanto, come un palo. Attimi soffocanti s’appoggiano sulle ore sospese, mentre a muoversi restano solo i suoi pensieri. Si rincorrono senza toccarsi, senza congiungersi. Si sfiorano appena, come due persone che si incrociano per caso in un dedalo di vie, tutte maledettamente sole in mezzo a tanti “ciao, come stai”, o “che belle scarpe”. Ferma, eppure cosi lontana da quel passato che continua a cercarla, a perdifiato.

Pubblicato in Parole

 

[M. Centonze] Ogni scarpa una camminata, ogni camminata una diversa concezione del mondo. Ogni camminata ci avvicina a quell’idea di mondo che è dentro di noi, e che aspetta di uscire, ansiosa. Ci sono passi veloci che cercano un passo lento, che li aspetti. Ci sono passi incerti che sperano in un passo certo, che non c’è. Ci sono luoghi eterni in cui ogni passo rileva quello che siamo, passo dopo passo, camminata per camminata. Inciampando, cadendo, rialzandoci, camminando, saltando, correndo, sfidiamo la strada, la percorriamo, e diventiamo noi stessi. Uno, due, cento passi prima, durante, o dopo. 

Pubblicato in Parole

Tutte le "Armi" di Grazian

Martedì, 18 Dicembre 2012 22:09

 

[M. Centonze] 14 dicembre 2012. In una sera invernale fredda come l’indifferenza, prestando attenzione a folate di vento poco amichevoli e districandosi nel traffico caotico degli acquisti natalizi, ci si imbatte in un incontro musicale insolito e originale. Siamo a Guagnano, in provincia di Lecce, e il Circolo ARCI-Rubik, sempre attento alla scena musicale emergente, nazionale e non, ospita Alessandro Grazian. Cantautore padovano, classe 1977.
A quasi quattro anni dall’uscita di Indossai (Trovarobato 2008), Grazian presenta il suo ultimo lavoro. Armi (Ghost Records 2012) è un album nuovo, l’approdo verso sonorità energizzate e vibranti dove i testi, profondamente ancorati alle linee cazzute e sfrontate delle chitarre, si fermano lì, a metà strada, quasi sospesi tra l’aorta e l’intenzione.
 
Favoriti da un’atmosfera intima e confidenziale in cui si respira a pieni polmoni l’aria della buona musica, ma anche galvanizzante e che riflette appieno la natura della performance, chiacchieriamo un po’, e Grazian ci racconta come ha voluto impostare “Armi tour”: live più elettrici, fuori i fiati e una batteria sintonizzata sui timbri forti, anche nel ripensamento del repertorio. Gli chiediamo come sta andando il tour e del suo disco, introspettivo e inevitabilmente arricchito dall'esperienza artistica a tutto tondo maturata negli ultimi anni. Sensazioni positive, e un riscontro del pubblico vero, meglio disposto e incuriosito dalla musica "alternativa". La gente avverte la crisi, certo, ma l'entusiasmo, per fortuna, resta.
 
Quando arriva “Armi” è un’esplosione, un grido. «Diamoci un’altra chance | puntiamo ad est | usciamo da questo cast perché | Perché di armi ne ho». Rivendicare se stessi, sempre, magari anche alzando la voce, se serve. Con Grazian, la sua formazione, Davide Ferrario ai synth e Alessio Russo alla batteria.
 
Quando tutto finisce, il vento si è placato, ma brilla intorno ed esulta ancora l’aria della buona musica.
 
[ph. L. Manca]
 
Pubblicato in Report

K. JARRETT - The Köln Concert: Part I

Martedì, 19 Febbraio 2013 20:42

Sa cosa stavo pensando? Io stavo pensando una cosa molto triste, cioè che io, anche in una società più decente di questa, mi ritroverò sempre con una minoranza di persone. Ma non nel senso di quei film dove c'è un uomo e una donna che si odiano, si sbranano su un'isola deserta perché il regista non crede nelle persone. Io credo nelle persone. Però non credo nella maggioranza delle persone. Mi sa che mi troverò sempre d'accordo e a mio agio con una minoranza...

 

N. Moretti, Caro diario, 1994.

 

[sel. M. Centonze]

Pubblicato in Immagine

ANGELA RICCI - Crazy

Lunedì, 17 Giugno 2013 08:58

Perché per me l'unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi di ogni cosa allo stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un luogo comune, ma bruciano, bruciano, bruciano, come favolosi fuochi artificiali color giallo che esplodono come ragni attraverso le stelle e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti fanno Oooohhh!

 

Walter Salles, On The Road (2012)

 

sel. M. Centonze

Pubblicato in Immagine

Elezioni Sonore

 

  • Torino Jazz Festival 2014
  • Roma - Auditorium Parco della Musica
  • LIVEdiary

Copyright LaOrilla 2011. Tutti i diritti riservati.

Login

Registrati

Registrazione Utente
o Annulla