Facebook   youtube  Twitter

  • image
A+ A A-

Tappa a Martano: la Taranta in viaggio

Giovedì, 21 Agosto 2014 11:04

[E. Augusti] Serata piacevolissima. Martano e l'ospitalità della Grecìa salentina. Piazza gremita per l'ultima tappa del Festival itinerante de "La Notte della Taranta" prima del Concertone del prossimo 23 agosto a Melpignano. Stand enogastronimici, curiosità, bontà salentine e, soprattutto, il fascino delle sonorità di URA. Maria Mazzotta (voce) e Redi Hasa (violoncello), e poi Ovidio Venturoso (batteria, percussioni), Valerio Daniele (chitarra) e Rita Marcotulli (pianoforte, tastiere). Quella "contaminazione", parola tra le più abusate nel racconto di incontri come quello di ieri, non rende ancora abbastanza l'intensità dello scambio, del dialogo, del connubio tra esperienze e sensibilità così diverse. Folk, jazz, traduzioni, tradizioni con un passato lunghissimo alle spalle, e la musica che non smette di ripensare il tempo, e azzerare le distanze. Lasciando da parte il "caleidoscopio" delle suggestioni che abbiamo assaporato, resta l'eccellenza della proposta della serata. Un pubblico rapito, affascinato da sonorità insolite, riportate presto alla tradizione dall'incessante battito delle percussioni. Edifici di voci, avvolgenti, altissimi. La magia dei loop, e la preziosità di un pianoforte. La pioggia è un sipario improvviso, che cala e apre una nuova scena, al di là del palco centrale. I salentini non sanno cosa significhi perdersi d'animo, la pizzica comincia a battere tra la folla e riempie i sorrisi. 

Pubblicato in Report

GIANCARLO PAGLIALUNGA - Ferma Zitella

Mercoledì, 05 Dicembre 2012 18:05

[R. Manca] Vediamo cosa mi viene fuori, sono due giorni che la sento, la sto sentendo adesso. Meravigliosa, non la conoscevo. Dovrei riuscire a dirla in senso assoluto, solo dopo darle la voce di Giancarlo Paglialunga, la migliore. Non credo di farcela. Ha una sonorità diversa da tutte le altre nostre, più morbida, molto sensuale. Era tutto semplice prima, faticosissimo e semplice, così è la terra. E l’amore era davvero desiderio, gli occhi di una donna potevano dare un senso al risveglio, o al ritorno sfinito dai campi quando il Sole “cala”. Pochi attimi, un sospiro, un bacio non dato, Nennu è già sera.

La prima strofa è tutta sua, il suo batticuore. Voglio dire con questo che sembra fermare il momento dello stupore. Poi le avrà pure detto qualcosa, sicuramente lo avrà detto male, troppo bella lei, troppo improvvisa, ma queste  parole cantate sono soprattutto la sua emozione intima. “Ferma” è la prima, qui sta l’attimo di cui parlavo,  c’è anche tutto il desiderio, lo stesso che sento in “ca si carcerata” e ancora di più in “sola, sola”. Stupendo.

Ma Lei parla, ne sono sicuro. La seconda strofa, invece, sono proprio le sue parole. Avverto cioè una diretta corrispondenza tra  i pensieri di Lei e i versi: in fondo questa è la sua semplicità, la sua limpidezza, di questo Nenno s’innamorò. “lassame scire nennu, lassame scire”; si sente il movimento (“pe la strata”), la sua camminata svelta e gli occhi bassi, Nennu il sole sta calando.

Ora non vado avanti, tra un attimo; prima spero sia chiara questa dialettica dolcissima (la stessa tra piano e mandolino), e il contrasto tra la prima strofa, fatta di un attimo, un sospiro, di parole che rimangono negli occhi di Nenno e la seconda che è più distesa, limpida e  descrittiva, vi si coglie addirittura la voce affrettata di Lei. Questo contrasto sta nei versi esattamente come nelle due anime. Questo è Nenno, così è Lei. Ecco, le parole si fanno materia, lui, lei (terra per me), sono quello che dicono. Poesia. Meraviglioso.

Continuo. Nennu è forte e generoso come la terra che ara ad ogni alba, Nennu è la terra, Lei è l’acqua (torniamo al “limpida” di prima). Nennu è per noi un continuo oscillare tra il livello dell’azione, della voce e quello del pensiero e delle emozioni. Ne ha tante. “E buonasera a lei porta nserrata”: è chiaramente scuro come la notte,  nervoso dico, desidera, invano ora. Anche qui: è la sua voce?  O  le parole che rimangono tra i denti?. Lei è molto più rassicurante, per noi intendo (anche per nennu , ovvio). Per noi, sì, non ci crea il dubbio dei due livelli che dicevo, lei parla, chiaramente, anche nella terza strofa, e lo fa con tale armonia che poi Nennu può solo tacere (“pacienzia Nennu, no su sola”, così finisce la strofa).  È acqua. Nennu la terra.

Avete mai visto la terra rossa quando aspetta la pioggia di settembre? Zolle dure e ostinante, dentro tengono il miracolo. L’attesa, il rimorso, il rimpianto, siamo all’ultima strofa. Ancora una volta, e  per sempre, Nennu ci spiazza con parole fuori dal tempo: non so dire se fermano quell’attimo,  o sono l’attesa di poi, o il rimpianto, o il “Rimorso”. Non lo so, ma sono un miracolo.

 

Ferma zitella ca si carcerata

mo ci t'aggiu 'ncuntrata sola sola

mo sola sola mo sola sola

mo ci t'aggiu 'ncuntrata sola sola

 

Lassame scire nennu pe la strata

ca su zitella e perdu la furtuna

mo la fortuna mo la furtuna

ca su zitella e perdu la furtuna

 

Vieni stasera alla mia camerata

la mia mamma nun c'è e me corcu sola

me corcu sola me corcu sola

la mia mamma nun c'è e me corcu sola

 

E buonasera a lei porta nserrata

pacenzia nennu mo ca nò sù sola

ca no su sola ca no su sola

pacenzia nennu mo ca nò sù sola

 

Tutte le curpe a me ca l'aggiu lassata

Quannu l'aggiù 'ncuntrata sola sola

Mo sola sola mo sola sola

Quannu l'aggiù 'ncuntrata sola sola

 

Pubblicato in Parole

Elezioni Sonore

 

Invia il tuo cd

Newsletter

Ricezione
Privacy e Termini d'uso
  • Torino Jazz Festival 2014
  • Roma - Auditorium Parco della Musica
  • LIVEdiary

Eventi

<<  Giugno 2022  >>
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Copyright LaOrilla 2011. Tutti i diritti riservati.

Login

Registrati

Registrazione Utente
o Annulla